Monthly Archives: gennaio 2015

Il reale concetto di Basilicata

basilicata-gastronomiaUna regione dell’ Italia Meridionale dalla grande varietà ambientale e climatica.  E’ bagnata da due mari, lo Ionio e il Tirreno, e circondata da maestose montagna, il che rende il suo clima mite sulle coste e continentale all’interno.

Il territorio lucanO si esprime al meglio con un vasto ed eccellente paniere di prodotti tipici all’insegna di qualità e genuinità. Oggi la tradizione enogastronomica lucana è ricca di eccellenze agroalimentari certificate dai marchi europei e sottoscritte a regole di disciplinari di produzione. Tali prodotti non sono che l’espressione del tempo passato che accompagna il futuro di questa terra. In una piramide di qualità molti prodotti hanno ottenuto tali riconoscimenti a cui fanno capo:

  • DOP : quando le fasi di produzione, trasformazione ed elaborazione del prodotto avvengono in un’area geografica ben delimitata;
  • IGP : quando almeno una fase di filiera avviene nell’area geografica delimitata;
  • STG : un prodotto che rispetta una ricetta tradizionale o a una determinata composizione di un territorio , ma che può essere prodotto ovunque.

Il Ministero delle Politiche Agricole riconosce per altri prodotti la dicitura di Prodotto Tradizionale, se essi sono frutto di un metodo di preparazione, conservazione o stagionatura che segue determinate regole della tradizione del territorio da un periodo non inferiore ai 25 anni, l’ultimo aggiornamento dell’elenco dichiara la presenza di ben 77 prodotti tradizionali in Basilicata. La Basilicata vanta anche 4 Presidi Slow Food, esempi di concrete e virtuose economie di prodotti di nicchia appartenenti a piccole realtà locali, con l’obiettivo di salvaguardare le tradizioni del territorio nel rispetto di un’agricoltura sostenibile. Tra i prodotti lucani riconosciuti con marchi europei, infatti, c’è anche il vino che può vantare diverse denominazioni, tra le quali:

  • IGT: vini che seguono un generico disciplinare di produzione e prodotti in un determinato territorio;
  • DOC:  un rigido disciplinare di produzione regola la produzione di un vino di un determinato territorio dove avvengono tutte le fasi di filiera;
  • DOCG: sono i vini più pregiati che rispettano un ancor più rigido disciplinare di produzione in un’area molto più ristretta rispetto ai vini Doc.